CELSIUS HOLDINGS – INVESTI E BRUCIA CALORIE

Titolo fuorviante? Tutto da vedere. Ma io in questa azienda di mio ci ho messo dei soldini. Non potendoci fare un trade sul mio portafoglio Etoro, in quanto l’azienda non e’ presente, ho comunque aperto una posizione da completare con un PAC nel mio portafoglio di Trading 212. Le motivazioni le vado ad illustrare nel video su Youtube ed anche qui, in questo articolo, dove pero’ andrò’ a fare un resoconto molto più’ approfondito. Andiamo prima di tutto a scoprire chi sia Celsius Holdings, cosa produca, quale sia la sua mission e poi vediamo anche perché’, dopo ovviamente averla analizzata in profondità’, ho deciso di investirci.

Come sempre, disclaimer obbligatorio, questo articolo non e’ assolutamente un consiglio finanziario, ne’ un invito ad investire. Ma sto semplicemente andando ad analizzare una azienda, nella quale io ho investito. Anche perché in questo caso, come si può ben capire dal mio portafoglio di trading 212, e come ho piu’ volte specificato, gli assett che vanno in questo conto broker, sono praticamente tutti molto più speculativi di quelli presenti nel mio conto Etoro, dove mantengo un profilo meno rischioso, in quanto la gente copia il mio portafoglio, e voglio salvaguardare il patrimonio altrui, oltre al mio.

CORE BUSINESS

Il settore e’ molto interessante e secondo me ha un notevole sviluppo. Inoltre e’ anche una realtà relativamente giovane, essendo stata fondata nel 2004, ma da un periodo di tempo sufficiente per consentirle di quotarsi al Nasdaq e di fare costante profitto. Un profitto che cresce in maniera paurosa. L’azienda produce delle bevande patentate che, sotto il brand Celsius, danno dei benefici che sono clinicamente provati. Secondo il sito ufficiale della compagnia, i benefici per la salute, sono stati clinicamente provati e per cui sono supportati in maniera scientifica, dalla Università dell’Oklaoma. A quanto pare questi studi sono anche stati pubblicati su riviste scientifiche.

I prodotti commercializzati di due gamme’ La “Celsius Live Fit” e la “Celsius Heat“, e vengono commercializzati in diversi paesi, ma 7 paesi diversi ci sono delle sedi locali. In particolare oltre agli ovvi Stati Uniti, i prodotti Celsius possono essere trovati in Svezia, Finlandia, Singapore, Cina, Hong Kong ed in Kuwait. In Italia questi prodotti possono essere ad esempio acquistati su Amazon. La linea Fit, ha il compito di accelerare il metabolismo e per cui aumentare la velocità con cui vengono bruciati i grassi ed al contempo anche aumentare la sensazione di energia. Ingredienti sono solitamente guarana’, caffeina, zenzero, calcio, Vitamina C e del gruppo B ed un principio attivo del te’ verde la “epigallocatechina-3-gallato” (EGCG), antiossidante che e’ studiato anche per la cura dell’HIV e presente naturalmente nelle foglie del te’ verde. Queste bevande sono sia frizzanti che senza anidride carbonica.

Una seconda linea, la Heat, e’ invece costituita da 3 gusti frizzanti che hanno delle dosi maggiori di principi stimolanti. In particolare hanno tutti 300 mg di caffeina e 2 grammi di citrullina, un precursore dell’amminoacido arginina, con un aumento delle potenzialità termogeniche dell’organismo ed un maggiore senso di energia. Questa linea dovrebbe in realtà essere dedicata ad una clientela più’ professionale, data la enorme quantità di sostanze eccitanti, che potrebbero ovviamente risultare dannose, se consumate in maniera eccessiva.

ANALISI DEL TITOLO

Se si guarda il rischio-rendimento, questo titolo li ha entrambi. Come si puo’ vedere dalle immagini qui sotto, il prezzo negli ultimi 5 anni ha avuto una crescita paurosa. Ad Agosto 2015 valeva 2.54 USD, mentre oggi quota 14.25 USD. Una crescita spaventosa, da fare impietrire molti fans delle aziende tecnologiche, me incluso. Sopratutto perché ci si aspetta sempre queste impennate da paura, solo dai titoli ad alto valore tecnologico, mentre si tende a dimenticare che una azienda, che ha un business solido ed un valore intrinseco nel proprio mercato di riferimento, ha una notevole possibilità di aumentare il proprio valore.

Fig. 1 – Andamento Titolo Celsius dal 2015 – Dati da Simply Wall Street consultati 05/08/2020

Una crescita da Marzo fino a fine Giugno, e per cui durante i mesi dal fondo del barile fino al recupero totale, che ha fatto segnare un +243%. Una situazione assolutamente molto ma molto interessante. La prima cosa che potrebbe venire in mente e’ sicuramente la fatidica frase “sarà una bolla”. Ed effettivamente, mi sono fatto anche io questa considerazione. Ho pensato che fosse una bolla, ma in realta’, a differenza di molte altre aziende, se si guarda la crescita dei fatturati e dei profitti, si capisce che si sta parlando di un potenziale esponenziale di sviluppo dei prodotti e per cui dei profitti.

Fig. 2 – Rendimenti e Volatilità – Dati da Simply Wall Street consultati 05/08/2020

Dalla figura 2 si evince infatti, che le performance positive, non sono solo quelle di un anno a questa parte. Ma da quasi cinque anni, ci si trova di fronte ad una macchina da guerra della crescita. In 5 anni infatti ci si trova di fronte ad un mostruoso +519.6%. Come dicevo prima, ad alti rendimenti, vanno a corrispondere alte volatilità. Ed infatti, se si guarda la figura 2, si può tranquillamente capire di cosa sto parlando!!

LA CORSA E’ FINITA?

A questo punto il dubbio che sorge e che sicuramente e’ lecito, e’ il fatto che la corsa verso l’alto potrebbe essere arrivata alla sua conclusione. Mi sembra un dubbio molto sensato, dopo delle performance che sono da brivido. Ma per capire dove ci si trova e dove si stia andando a parare, bisogna anche andare a vedere come e’ messo il business in termini di salute finanziaria e di come sono le prospettive di crescita, sia degli earnings, che del fatturato.

Dalla figura 3 e’ evidente che il fatturato, secondo gli analisti, andrà solamente a crescere, se il business manterrà le aspettative ed il branding che si e’ saputo creare fino ad adesso. Gli analisti di Simply Wall Street si attendono una crescita del 94.6% annuo. Roba da mani nei capelli. Ed il business in questo, pur avendo già inforcato la strada della salita verso l’alto, ha sicuramente beneficiato del periodo di lockdown pandemico.

Fig. 3 – Stima Crescita Earnings – Dati da Simply Wall Street consultati 05/08/2020

Il motivo secondo alcuni analisti di Forbes e’ da ricercare nel fatto che, il lockdown ha volutamente cambiato anche alcune abitudini alimentari. Un passaggio, forse momentaneo, ma non e’ detto che sia cosi, dalle bevande gassate con molto zucchero, come ad esempio coca cola, pepsi e similari, a bevande piu’ specifiche, siano esse salutari o sportive, ma con un occhio piu’ verso la salvaguardia della propria salute. Ne e’ un esempio che ieri (04/08/2020 ndr), Monster Beverage, che produce bevande simili, anche se non uguali, abbia polverizzato le attese degli analisti.

Si tratta comunque di un azienda che ha crescita di fatturato esponenziali. Come si vede dalla figura 4, sia il fatturato che il profitto lordo, sono in continuo aumento e non credo si fermerà nel breve periodo.

Fig. 4 – Financial Summary – Dati Investing.com consultati 05/08/2020

Il fatturato e’ passato dai 23 milioni di dollari del 2016 ai 75 milioni di dollari a chiusura del 2019. Un profitto lordo che cresce ulteriormente dai 9.73 milioni del 2016 ai 31.3 del 2019. Una crescita continua, come dicevo prima. Ci si trova inoltre in un mercato di riferimento che sta vivendo un boom. Dal 2016, da quando troviamo Celsius quotata, il mercato dell’Energy Drink, e’ cresciuto in maniera globale dal 45.9 miliardi di dollari ai 56.5 del 2019. Entro il 2025 ci si aspetta arrivi a quasi 85 miliardi di dollari. Terreno fertile per chi opera in questo settore.

SITUAZIONE FINANZIARIA

Anche da questo punto di vista, i conti tornano. Ed anche bene. Chi mi segue lo sa, quando investo, cerco le aziende che abbiano meno debito possibile o meglio ancora, che non ne abbiano proprio. Ed anche in questo caso, ho investito perché mi trovo in questa situazione. Un altro fattore che aiuta questa azienda a crescere cosi esponenzialmente e’ la mancanza di dividendo. Si tratta di un azienda growth pura. I profitti vengono tutti reinvestiti nella società nello sviluppo della rete vendita, che ha avuto una crescita del 67% sul settore online grazie alla pandemia. E che e’ stata accelerata dagli influencer presenti in rete, e su cui l’azienda punta moltissimo e per i quali utilizza buona parte dei profitti, per penetrare meglio nel mercato di riferimento. Nella investor presentation che lascio qui, si possono andare anche a reperire numerosi dati, fra i quali spicca anche il fatto, evidente della figura 5, che la forchetta fra il fatturato del mercato americano e quello internazionale si sta sempre di piu’ allargando, andando a fare pendere il core business sempre più’ verso USA.

Fig. 5 – Fatturato per area – Dati dall’Investor Presentation di Celsius

Anche se comunque Celsius non nasconde che la crescita internazionale, per diventare un brand riconosciuto a livello globale, come Redbull o Monster, sia un loro obiettivo fondamentale.

Per quanto riguara la situazione debitoria, ci si trova di fronte ad una azienda che in maniera molto pratica, si puo’ definire senza debiti. Infatti, l’entita’ del debito e’ veramente insignificante, rispetto invece alla componente degli assett, che sono a coprire in maniera ottimale la minima situazione debitoria.

Fig. 6 – Assett vs Liabilities – Dati Simply Wall Street consultati 05/08/2020

I debiti totali sono all’incirca 30 milioni, ma già solo la componente degli asset a breve termine li copre tutti con quasi 57 milioni a cui vanno inoltre ad aggiungersi altri 38 milioni abbondanti di quelli a lungo termine. Non distribuendo dividendo, tutto il cashflow può essere utilizzato in tranquillità per i progetti di crescita.

MANAGEMENT ED INVESTITORI

Dal punto di vista azionario, due importanti investitori di Celsius sono la Rexall Sundown e la Horizons Ventures, entrambi operativi nel campo del finanziamento delle start up, sia a livello tecnologico che, in questo caso, supplements e health. Carl DeSantis di Rexall, possiede il 20% del pacchetto azionario mentre Horizons sta di poco sotto al 6%. Poi Arcus Capital con un 33% circa e’ quella che ha la quota maggiore. L’azienda ha ancora una piccola capitalizzazione, fermandosi a poco sotto il miliardo con circa 70 milioni scarse di azioni flottanti sul mercato, che sono in mano maggiormente agli istituzionali.

Per quanto riguarda il management, si tratta di un board relativamente giovane, con una eta’ media di circa 63 anni di eta’. E con una media di poco meno di 6 anni di anzianità al comando delle redini di questa azienda. Il management operativo addirittura ha una anzianità lavorativa di poco sotto i due anni, e secondo me la crescita dovuta al nuovo imprinting, e’ evidente. Si vedono molti risultati. Se si tiene conto che tutto questo viene portato avanti da un tessuto organizzativo che conta solo 120 dipendenti totali, si capisce anche il management tiene anche un occhio alla crescita del business sotto la prospettiva del capitale umano.

CONCLUSIONI

Io ho investito in questa azienda nel mio portafoglio speculativo di Trading 212. Non e’ un titolo per deboli di cuore. Il primo giorno che la ho messa in portafoglio mi ha fatto un +10% ed il secondo giorno e scesa della meta’. Si tratta per cui di un azienda dal valore volatile. Ma anche di un business che ha ottime prospettive di crescita e di divenire nel tempo un player molto importante nel settore. Sia perché ha un modello di business leggermente diverso dagli altro player ed anche perché, si pone di offrire prodotti simili ai grandi marchi, ma senza aggiunta di sostanze potenzialmente “dannose”, come zucchero o altri edulcoranti. Un richiamo al momento molto forte per gli sportivi e non. Un azienda nella quale credo molto e nella quale voglio posizionarmi in maniera più preponderante nel tempo, magari mediando il prezzo di ingresso e dalla quale mi aspetto soddisfazioni.

Author: Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.